play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
  • cover play_arrow

    Casa Italia Radio La prima radio con la Casa nel nome e nel cuore

SostenibilitĂ  - ADNKRONOS

Bruegel chiede un piano per gli investimenti verdi

todaySettembre 7, 2023 1

Sfondo
share close

(Adnkronos) – L'Unione Europea dovrebbe approntare un piano per gli investimenti verdi, prevedendo anche regole di bilancio che consentano ai Paesi piĂą indebitati di rallentare nel percorso di riduzione del debito pubblico, a patto che realizzino investimenti volti a ridurre le emissioni inquinanti. A raccomandarlo è un paper del think tank Bruegel, "Un nuovo quadro di governance per salvaguardare il Green Deal europeo”, scritto in collaborazione da Jean Pisani-Ferry, Simone Tagliapietra e Georg Zachmann.  Il piano per gli investimenti verdi, spiegano, dovrebbe garantire che, dopo la graduale eliminazione degli attuali finanziamenti per la ripresa dalla pandemia nel 2026 (Next Generation Eu terminerĂ  in quell'anno), le sovvenzioni verdi dell’Ue rimangano almeno al livello attuale, 50 miliardi di euro all’anno. Per colmare il deficit annuale, secondo gli esperti di Bruegel, occorrono nuove risorse dell’Ue, per un ammontare di 180 miliardi di euro tra il 2024 e il 2030.  Inoltre, aggiungono, le proposte di riforma della governance economica dell’Unione attualmente in discussione dovrebbero essere modificate, per consentire ai Paesi con un debito pubblico superiore al 60% del Pil, ma con finanze pubbliche "sostenibili", di ridurre il debito a un ritmo piĂą lento, "a condizione che vengano effettuati ulteriori investimenti per ridurre le emissioni" climalteranti.  Per Tagliapietra, coautore del rapporto e senior fellow di Bruegel, “la Commissione di Ursula von der Leyen è riuscita a orientare l’Ue verso la neutralitĂ  climatica, ma con l’accelerazione della decarbonizzazione ciò diventerĂ  politicamente molto piĂą impegnativo. Per navigare nelle acque agitate che lo attendono, il Green Deal europeo ha bisogno di un nuovo assetto istituzionale, veramente 'Fit for 55'".  "Deve essere chiaro che ciò che l'Ue ha intrapreso non è altro che una rivoluzione industriale. Questo passaggio può avere successo solo se ottiene un sostegno sufficientemente ampio, cosa che a sua volta richiede che le considerazioni sull'equitĂ  siano messe in prima linea nell'agenda politica", sottolinea Jean Pisani-Ferry, senior fellow a Bruegel e coautore. Per gli esperti, il quadro di governance dell’energia e del clima dell’Ue va profondamente rivisto. Oltre ai finanziamenti, a loro avviso, tutte le emissioni dovrebbero essere soggette al sistema di scambio delle emissioni (Ets). Entro il 2030, prevedono gli specialisti di Bruegel, i sistemi separati di scambio delle emissioni copriranno le emissioni industriali e quelle degli edifici/trasporti, che rappresenteranno i tre quarti di tutte le emissioni territoriali. Dovrebbe essere creato un terzo Ets per i settori non ancora coperti e i meccanismi di controllo delle emissioni dovrebbero essere unificati entro il 2040.  Dovrebbe inoltre essere istituita, secondo il rapporto, un'Agenzia Europea per l'Energia, che consentirebbe di raccogliere e rendere disponibili dati per il processo decisionale, monitorare sistematicamente gli sviluppi che potrebbero richiedere correzioni di rotta, mantenere strumenti di modelling aperti e preparare valutazioni indipendenti delle politiche energetiche dell’Ue e degli Stati membri. Inoltre, la governance dell’energia e del clima dovrebbe essere elevata al livello dei capi di Stato e di governo, per aumentare il coordinamento e la titolaritĂ  politica. Almeno una volta all’anno andrebbero organizzati vertici europei speciali, con i preparativi svolti da un gruppo di sherpa dell’energia e del clima dell’Ue. Infine, lo sviluppo e il funzionamento della rete di trasmissione dovrebbero essere guidati dalla minimizzazione dei costi. Un operatore europeo indipendente del sistema di rete, osservano infine, sarebbe in grado di garantire che la trasmissione transfrontaliera esistente venga utilizzata in modo ottimale, anche per favorire gli investimenti. —sostenibilitawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Scritto da: Redazione

Rate it

CASA ITALIA RADIO

by Bricks Advisoring and Consulting srls

Via Adriano Fiori 20/c – Roma

PARTITA IVA 15463941003

Iscrizione al TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA  SEZIONE PER LA STAMPA E L’INFORMAZIONE al numero 40/2023 

LICENZA SIAE NUMERO: 202100000684

LICENZA ITSRIGHT NUMERO: 0012816

LICENZA SCF NUMERO: 65/5/22

ISCRIZIONE ROC NUMERO:35357

 
0%