play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
  • cover play_arrow

    Casa Italia Radio La prima radio con la Casa nel nome e nel cuore

Ultim'ora - ADNKRONOS

Lavorare dopo la pensione, occhio alle conseguenze: ecco cosa può succedere

todayAgosto 12, 2023 1

Sfondo
share close

(Adnkronos) – Lavorare dopo la pensione può costare molto caro, ma ciò dipende dalla misura a cui si è fatto ricorso per il pensionamento. Per chi è andato in pensione con le regole imposte dalla legge Fornero – quindi all’etĂ  di 67 anni e con 20 anni di contributi oppure con 42 anni e 10 mesi di contributi (uno in meno per le donne) – infatti, non ci sono norme che vietano di cumulare i redditi da pensione con i proventi da attivitĂ  lavorativa subordinata (come ci ricorda Money.it). L’unico vincolo è che al momento in cui si fa domanda per il pensionamento non devono esserci in corso rapporti di lavoro come dipendente, con la possibilitĂ  di essere nuovamente assunti immediatamente dopo la liquidazione del primo assegno. Non è così, però, per coloro che sono andati in pensione in anticipo grazie alle quote introdotte negli ultimi anni, da Quota 100 alla nuova Quota 103. Queste opzioni, infatti, vietano al neo pensionato di lavorare come dipendente almeno fino a quando non raggiungerĂ  i requisiti richiesti dalla pensione di vecchiaia, quindi fino ai 67 anni (con la sola possibilitĂ  di cumulare fino a 5.000 euro l’anno i redditi da collaborazione occasionale). E le conseguenze possono essere molto gravi: lo ha scoperto sulla sua pelle un pensionato di Pordenone andato in pensione con Quota 100 che per poche ore di lavoro come dipendente, e appena 30 euro percepiti, deve restituire oltre 15 mila euro senza possibilitĂ  di appello. Come ribadito dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 234 del 2022, infatti, il divieto di cumulo per chi va in pensione con le quote è assolutamente legittimo, anche quando si viene a determinare una sproporzione tra l’entitĂ  dei redditi da lavoro percepiti e i ratei di pensione da dover restituire. Questo perchĂ© chiedere di uscire anticipatamente dal lavoro e poi intraprendere una nuova prestazione di lavoro rappresenta una contraddizione che contrasta con l’obiettivo di sostenere il ricambio generazionale. —economiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Scritto da: Redazione

Rate it

CASA ITALIA RADIO

by Bricks Advisoring and Consulting srls

Via Adriano Fiori 20/c – Roma

PARTITA IVA 15463941003

Iscrizione al TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA  SEZIONE PER LA STAMPA E L’INFORMAZIONE al numero 40/2023 

LICENZA SIAE NUMERO: 202100000684

LICENZA ITSRIGHT NUMERO: 0012816

LICENZA SCF NUMERO: 65/5/22

ISCRIZIONE ROC NUMERO:35357

 
0%