play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
  • cover play_arrow

    Casa Italia Radio La prima radio con la Casa nel nome e nel cuore

Ultim'ora - ADNKRONOS

Orsa Amarena uccisa in Abruzzo, “ora a rischio i suoi due cuccioli”

todaySettembre 1, 2023 2

Sfondo
share close

(Adnkronos) – La morte dell'orsa Amarena, uccisa a fucilate ieri sera, è "una notizia terribile e un evento che rischiano di vanificare gli sforzi per la conservazione dell’orso bruno marsicano, il plantigrado piĂą raro d’Europa.
La notizia dell’uccisione di Amarena, orsa diventata suo malgrado prima star dei social e oggi simbolo della violenza insensata con cui qualcuno si rapporta alla natura, rappresenta un duro colpo per le speranze di sopravvivenza dell’orso in Appennino

". Così il Wwf Italia in una nota.  "Quest’estate Amarena era stata avvistata e ripresa con due

cuccioli
dell’anno,

ad oggi non ancora autosufficienti

e il cui destino è dunque a forte rischio (i cuccioli di orso restano generalmente circa un anno e mezzo con la madre)

. Per questo il Parco si è giĂ  attivato per la loro ricerca ma non sarĂ  facile ottenere risultati", sottolinea il Wwf chiedendo che "le indagini di magistratura e forze dell’ordine accertino rapidamente come si sono svolti i fatti". Per l'associazione, inoltre, "è tempo di adeguare l’efficacia del sistema sanzionatorio e di investire sulla vigilanza del territorio in funzione preventiva e repressiva". Il Wwf che "sta lavorando con forza per la conservazione di questa popolazione unica al mondo, attraverso la campagna Orso 2×50, la sua Oasi delle Gole del Sagittario ad Anversa degli Abruzzi e il Progetto Life Arcprom, intende costituirsi parte civile". “Questo drammatico atto di bracconaggio è anche conseguenza di un’azione sistematica di disinformazione che riguarda la convivenza tra uomo e grandi carnivori e piĂą in generale tra uomo e natura – dichiara Luciano Di Tizio, presidente del Wwf Italia

– Siamo di fronte ad un’operazione che sta entrando sempre piĂą spesso nell’arena della propaganda politica, con tutte le distorsioni che ne conseguono. Oltre a quelle dell’autore di questo atto è dunque necessario individuare anche le responsabilitĂ  di chi, quotidianamente, in settori del mondo politico, venatorio e agricolo, alimenta irresponsabilmente e strumentalmente sentimenti di paura e giustifica o istiga all’uso del fucile come unica soluzione. Dobbiamo reagire a tutto questo e lanciamo un appello affinchĂ© tutti gli amanti della natura e della convivenza tra attivitĂ  umane e fauna selvatica si diano appuntamento giĂ  la prossima settimana nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise per ribadire la necessitĂ  di tutelare il nostro straordinario patrimonio di biodiversità”.  —economiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Scritto da: Redazione

Rate it

CASA ITALIA RADIO

by Bricks Advisoring and Consulting srls

Via Adriano Fiori 20/c – Roma

PARTITA IVA 15463941003

Iscrizione al TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA  SEZIONE PER LA STAMPA E L’INFORMAZIONE al numero 40/2023 

LICENZA SIAE NUMERO: 202100000684

LICENZA ITSRIGHT NUMERO: 0012816

LICENZA SCF NUMERO: 65/5/22

ISCRIZIONE ROC NUMERO:35357

 
0%