play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
chevron_left
  • cover play_arrow

    Casa Italia Radio La prima radio con la Casa nel nome e nel cuore

best

Don Mercanzin :” Questa guerra ha peggiorato il Mondo e Putin si e’ già pentito”

micDon Sergio Mercanzin, Fondatore del Centro Russia EcumenicatodaySettembre 16, 2022 8

Sfondo
share close

Il fondatore di Russia Ecumenica, Don Sergio Mercanzin , intervenuto a Casa Italia Radio da Giovanni Lacagnina , parla del momento delicato che sta attraversando l’umanità per via del conflitto in Ucraina.


L’INTERVISTA


Buongiorno Don Sergio Mercanzin 

Buongiorno, grazie a lei e a tutti i radioascoltatori.

E allora Mercanzin, partirei con le parole del Santo Padre. Il Santo Padre dice , come peraltro oggi evidenzia virgolettato Repubblica : “Cercate politici di livello, no ai messia dei populismi”, come interpreta lei queste parole del Santo Padre.

In un periodo così serio come questo, oltre che pericoloso, naturalmente bisogna trovare delle persone capaci e seri e quindi. E quando ? Quando il mare è liscio è facile guidare la nave, quando il mare e’ in tempesta ci vuole un bravo, un bravo comandante.

Certo ! Il Santo Padre, che peraltro inusualmente parla di armi , sostiene che sia giusto fornire armi se servono per la difesa. Naturalmente il riferimento è alla guerra in Ucraina

Questo è un grosso problema, Perché chi cita il Vangelo,dove si dice di porgere l’altra guancia, però dice che una cosa è una scelta che fa per un individuo e una cosa è la scelta che deve fare una nazione. Come fa a difendersi se viene invasa ? Se viene, diciamo così, aggredita se non con le armi? Ecco, forse ci vorrebbe in Ucraina un Gandhi, ma un Gandhi non c’è. E a questo punto resta l’alternativa, purtroppo la peggiore, quella di usare delle armi contro le altre armi.

C’e’ un problema per questa guerra che si sta allargando anche dal punto di vista energetico, economico in tutto il Mondo , peraltro qui Italia preoccupa la situazione per quanto riguarda appunto la povertà e lo spettro della recessione, come oggi appunto si legge sui tutti i mezzi d’formazione , qual è il suo pensiero in tal senso?

Come spesso si dice che è la prima volta nella storia che uno è sicuro che il futuro c’è e sembra sicuro che il futuro sia peggiore del presente. E’ la prima volta nella storia. In genere il futuro era sempre visto come uno spazio, un territorio un tempo che migliorava il presente. Questa volta non è così, né per i giovani né per le persone di mezza età, tantomeno per gli anziani. È una guerra questa che sembra a livello globale essere già ormai a tutti i livelli, come diceva lei anche a livello economico finanziario. Ovvero anche, come dire, delle energie essenziali. Speriamo che non diventi anche una guerra per l’acqua, come come qualcuno paventa e quindi sarebbe una guerra veramente a tutti, a tutti i livelli.
Lei e’ fondatore del Centro Russia ecumenica. A che punto è questo questa sua iniziativa mondiale, peraltro, che vuole un po essere il collante fra le due fra gli ortodossi e i cattolici? Insomma, tutte le religioni.

Noi siamo partiti in piena era sovietica , Negli ultimi anni eravamo arrivati a un dialogo ecumenico tra cattolici e ortodossi, in particolare, direi, tra i cattolici e ortodossi russi. Questa guerra, ha messo uno stop anche al dialogo ecumenico. Non solo uno stop ci ha fatto fare passi indietro di tanti decenni. Per esempio il Papa lì nel Kazakistan, è andato più che altro, secondo me, non tanto a incontrarsi con le altre religioni, cosa che poteva fare ovunque, ma sperando di incontrare il patriarca Kirill. Ma era prevedibile che il patriarca Kirill non sarebbe andato e si sarebbe trovato di fronte a un avversario. In questo momento lui stava per la guerra e il Papa stato per la pace.

Senta Mercanzin , lei ha parlato di Unione Sovietica. Oggi abbiamo l’Unione europea. Quali sono le differenze? Perché comunque sia, c’è chi la contesta questa politica dell’Unione europea, un po asociale, poco rivolta ai giovani e a chi è in difficoltà. Insomma, una politica speculativa più che altro. Soprattutto in questo momento della crisi energetica che voleva un suo parere illustre. Non so se sono stato chiaro.

Chiarissimo, chiarissimo. L’Unione Europea non sono gli Stati Uniti d’Europa, certo. Certo è un’Unione che piuttosto fittizia, che poi quando è nata ha voluto rinnegare le radici cristiane. Sembra una maledizione quella che è piovuta poi sull’Europa. Non è andato bene nulla, anzi esiste in Europa. A volte decide di sfaldarsi. E l’Unione Sovietica, invece, era tutta un’altra cosa, era stata costituita anche con la forza e non per scelta. In gran parte non può essere un governo centrale, quello di Mosca, che era, diciamo veramente eterno. Come dire, forte e spesso anche feroce.

Senta Mercanzin , naturalmente ,siamo spettatori di una guerra che si continua a combattere, perché comunque i morti ci sono. Le vittime. Peraltro oggi per parlare di Zaleski è stata trovata una fossa con tanti cadaveri. A che punto è questa guerra? Cosa può fare il Papa in questo senso?

I russi hanno perso 50.000 soldati. In genere sono giovani, cioè questi, 50.000 giovani russi sono andati a morire lì. Cosa potrebbe dire un giovane russo morto in cui sono morto? Perché sono nati? Invadere un paese straniero, un altro paese? Ma invece, un giovane soldato ucraino che muore in guerra, puoi dire ho difeso la mia patria, ho difeso la mia famiglia e difeso mia moglie e i miei figli .Quindi è tutto un altro significato. E sono anche più motivati i soldati ucraini che naturalmente i soldati russi e se possono cercano di evitare di andare in guerra. Come dire io ho l’impressione che ha peggiorato veramente il Mondo sotto tutti i punti di vista e credo che se potesse tornare indietro Putin non attaccherebbe più l’Ucraina. Quello che ha ottenuto è ben poco e tutto e tutto diciamo negativo secondo me anche quello che lui non avrebbe mai potuto ottenere, per esempio che il Mondo riconoscesse sempre di più l’Ucraina come una nazione, quello che cosi i russi tante volte negano ed è una nazione ormai a tutti gli effetti conosciuta in tutto il mondo. Un mio amico è tornato dopo due tre mesi in Ucraina, è un giornalista coraggioso, è stato anche sul fronte più volte, più giorni. E mi ha detto Beh, ho trovato un popolo eccezionale, un popolo formidabile, eroico, solidale, motivatissimo a contrapporsi a questa invasione assurda. Quindi, e quindi voglio dire, se voleva negare l’Ucraina ha ottenuto il contrario.
In pratica Putin in questo momento così fa marcia indietro e cerca un po di salvare la faccia. Credo per tornare alla domanda che lei ha fatto chi lo fa? Credo che il Papa potrebbe essere, non solo il Papa, ma anche le religioni. Ecco il significato anche di questo incontro delle religioni di Kazakistan. E potrebbe trovare un aiuto, una specie di salvagente di salvataggio nel Papa e nelle religioni. Ci si sta muovendo in questo, in questo, in questo ambito, sia ebrei e musulmani sia cristiani.

Per concludere, tornando alla prima domanda sulle parole del Papa, della politica di qualità. Insomma, dietro questa frase di Papa Francesco ci sono appunto le responsabilità dei politici. Per quanto riguarda questa situazione a livello mondiale, direi.
Si, ci vorrebbero dei politici di prestigio e ci sono stati un tempo. Al momento purtroppo non si vedono questi politici di prestigio che possano non tanto farsi obbedire , solitamente i dittatori, quanto farsi apprezzare e quindi ascoltare e seguire.

Bene Don Mercanzin la ringrazio, grazie, complimenti per il suo impegno per Russia Ecumenica. Il Centro Russia Ecumenica sempre attivo dal 1976, ricordiamolo. E sono passati quasi 50 anni. Voleva dire qualcosa?

Volevo salutare sia lei che i radioascoltatori.

Grazie a don Sergio Mercanzin a presto e buon buona giornata


bestBuongiorno Casa Italia RadioPolitics

Rate it

CASA ITALIA RADIO

by Bricks Advisoring and Consulting srls

Via Giorgio Ribotta 11 – 00144 Roma

PARTITA IVA 15463941003

LICENZA SIAE NUMERO: 202100000684

LICENZA ITSRIGHT NUMERO: 0012816

LICENZA SCF NUMERO: 65/5/22

ISCRIZIONE ROC NUMERO:3535

0%